UN ANTICO MOLINO E I SAPORI DELLA TRADIZIONE FRIULANA - LUGUGNANA SITO WEB

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

UN ANTICO MOLINO E I SAPORI DELLA TRADIZIONE FRIULANA

Rubriche > Turismo Enogastronomico

Rubrica: TURISMO ENOGASTRONOMICO
di Valter Stabile

RUBRICA TURISMO ENOGASTRONOMICO

UN ANTICO MOLINO E I SAPORI DELLA TRADIZIONE FRIULANA



Immerso in un ampia area verde, solcata da un antico corso d’acqua che muove due molini sapientemente restaurati, ce il ristorante “Al Molino di Glaunicco”(www.almolino.com  - 0432.919357).
Siamo in località Camino al Tagliamento(Ud), zona votata da sempre all’agricoltura e al buon vino.

Prima di pranzare consiglio, se la giornata lo permette (ideali le stagioni temperate, con il sole sarebbe il massimo) una bella visita al parco esterno, dove attraversando stretti sentieri e ponticelli sulle cristalline acque del torrente, potrete ammirare i due molini ancora perfettamente funzionanti, mossi dalla forza calma ma decisa delle acque che da tempo immemore scorrono in questa località. In corrispondenza dell’asse del molino, all’interno del ristorante, è stata ricavata una zona ove è possibile vedere gli ingranaggi ed il meccanismo in movimento, che un tempo facevano girare le macine per la farina. Un vero salto nel passato, ricavato in un ambiente emozionante, caldo, luminoso ed elegante. Eleganza ben dosata tra gli oggetti ed attrezzi del passato e della tradizione contadina e l’arredamento ben curato.
In una saletta più riservata, scalda le serate fredde, un suggestivo camino. In una struttura elegante , dedicata e ben attrezzata nel parco, è ricavato il salone per ricevimenti e feste. Girando per il parco, rimarrete colpiti dall’assordante silenzio, rotto solo dal gorgogliare del torrente che muove le pale del molino.
Una delle caratteristiche del locale e il modo di abbinare alla ristorazione qualcosa di intrigante e coinvolgente, creando delle serate a tema. Oltre a le più classiche come la cena di San Valentino e le festività sante, si organizzano cene dedicate al “purcit” (il maiale in friulano), al tartufo, cena di Halloween, gran galà di carnevale, e la misteriosa “cena con delitto” (vedasi sito del ristorante).
Il pranzo può iniziare con una tazzina di polenta liquida miscelata a crema di zucca, un tocco di dolcezza per dare inizio alle danze. Ottima la polentina con fonduta di Montasio. Poi un bis di primi: maltagliati alle tre farine con ragout d’anatra e cjalsons (ravioli tipici friulani) alla zucca con ricotta affumicata. Per i secondi si può spaziare con una ampia selezione, ma consiglio il petto d’anatra glassato al miele al forno con verdurine e polenta. Ovviamente presente il “frico”, piatto tradizionale dell’antica cucina friulana (mix di formaggi con patate ).
I dessert sono vari e deliziosi, non ritengo di consigliarne uno in particolare, a voi l’ardua scelta!  L’atmosfera elegante e tradizionale nel contempo, non può che lasciarvi assolutamente soddisfatti.
Alla fine del pasto un buon sorbetto e/o caffè “corretto” e via a camminare nel parco, ascoltando l’assordante silenzio della campagna friulana.


Dic. 2014                                                                 
Valter Stabile


www.lamorina.it - tel. 340.3943089

 
Torna ai contenuti | Torna al menu