E’ un mondo difficile!!!! - LUGUGNANA SITO WEB

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

E’ un mondo difficile!!!!

Articoli > di Valter Stabile

E’ un mondo difficile ! 28.01.2014
Eccomi di nuovo ad esternare su questo e quello, su tutto e tutti, ma in particolare su questo mondo che sta andando a rotoli senza più controllo. A mio vedere, e credo di non esagerare se dico che non sono l’unico a pensarla così, anche se purtroppo la massa degli abitanti di questo mondo sembrano pensarla diversamente e con tendenze autodistruttive a medio e non troppo lungo termine, sembra che siamo orientati verso un sistema di vita ispirato alla massima libertà di vedute e di pensiero, cosa di per se non sbagliata, se non fosse per l’interpretazione esasperata e sfrenata di questo pensiero collettivo che alla fine non tiene conto di vecchi e sani principi morali, valori fondamentali del singolo individuo come della massa. Ogni giorno i mass-media ci propinano i loro dogmi, sdoganando sempre più “modus vivendi” che fino a 80 anni fa erano assolutamente impensabili, stravolgendo ogni etica morale, e facendoci passare per cose normali e quotidiane le cose che la stessa natura umana ci impone come contrarie. Goccia dopo goccia, notiziario dopo notiziario, reportage dopo reportage ci inculcano con la forza della martellante e ripetitiva opera di convinzione (in particolare prendendo esempio da altre nazioni) che è necessario e doveroso arrivare ai matrimoni gay e che è giusto il successivo passo, che è quello delle adozioni per le unioni gay. A noi cattolici e “ inguaribili nostalgici bacchettoni”, ci fanno passare per dei “fuori dal tempo” dei pazzi che odiano e avversano il progresso. Ma di quale progresso stiamo parlando ?
Dell’ormai imperante sistema politico mondiale, volto nel migliore dei casi a farsi i propri interessi e non contenti anche a rubare al popolo? Forse per progresso, intendiamo gli affari di tutte quelle lobby alimentari, farmaceutiche, militari e degli idrocarburi che ci manipolano, che nutrono solo un terzo della popolazione mondiale, che è a rischio obesità, mentre il resto muore di fame. Oppure che producono farmaci costosi o ad alto consumo solo per le fasce di popolazione più abbienti e con maggiore produzione per quelle malattie più diffuse e quindi con maggiori ricavi e guadagni, trascurando le malattie rare che impegnerebbero molte spese per la ricerca e pochi guadagni per le lobby farmaceutiche. Non ce che dire, un vero sistema di selezione eugenetica, finalizzato all’arricchimento. Che dire delle lobby militari e guerrafondaie, che appiccano tumulti e guerre civili in ogni luogo dove accendere micce diventa redditizio per pochi politici locali e per ancor meno venditori di armi senza scrupoli. Badate che dietro ad anonimi venditori e trafficanti di armi internazionali, il più delle volte si celano politici corrotti ed interi governi e tra questi anche quelli più in vista sulla scena mondiale. Il tutto, ovviamente a spese di intere popolazioni dei continenti più sfortunati ed affamati della terra.
Di solito, se prestate attenzione ai particolari nei video, noterete che i guerriglieri hanno i tascapane pieni di cartucce per le armi piuttosto che di alimenti e cibo per sfamarsi. Senza contare l’uso indiscriminato e criminale che si fa dei bambini-soldato. Che dire delle lobby degli idrocarburi che ci condizionano ogni stile di vita, anche il più quotidiano e banale. Fate caso a quante centinaia di volte al giorno, maneggiate ed usate qualcosa la cui fonte produttiva è il petrolio. Da quando hanno inventato i mezzi di locomozione, ci impongono e ci convincono (la massa) che ci si muove comprando solo benzina,diesel e gas. Sono decenni che decine di inventori hanno trovato il sistema per cambiare modo di locomozione, ma vengono presi per dei pazzi e comunque vengono messi a tacere e minimizzati dai grandi petrolieri, che hanno già iniziato uno sfruttamento intensivo dei giacimenti, soprattutto per accontentare le nazioni industrialmente emergenti, che fino a ieri erano considerate da terzo mondo e che oggi da sole stanno producendo più di un terzo dell’inquinamento mondiale. Questi paesi, protetti dalla scusa della rinascita economica ed industriale e dal diritto al nuovo illusorio selettivo benessere, stanno distruggendo i loro territori e quelli del resto del mondo, si tratta solo di quanto tempo ci mette l’atmosfera a inglobare, assorbire e metabolizzare tutte le “porcherie” che produciamo. Il mio non è pessimismo, ma cruda constatazione della realtà attuale e credo lungimirante visione del futuro non molto lontano. Tutto gira intorno al “dio denaro” (ho volutamente messo in minuscolo la parola dio, visto che il denaro non ha nulla a che fare con la religione qualunque essa sia, portatrice, che se ne dica di bene e sani principi). Siamo materialisti ed egoisti, superficiali e non curanti per quello che riguarda il futuro dei nostri figli. Rischio di fare la figura del “bigotto”, ma cosa ci resta, se non sognare un mondo migliore. Un mondo che non esiste e non esisterà mai, data la natura umana che è solo interessata al benessere esagerato, per ottenere il quale non ci si fa scrupoli. Un mondo che si divide in tre categorie di esseri umani: la prima e più numerosa è quella che non raggiungerà mai il benessere e che muore di fame o sopravvive a malapena; la seconda che vive tra la sopravvivenza accettabile e l’illusione del benessere minimo; la terza è l’umanità che crede di essere l’elìte, i senza problemi, quelli che sguazzano nell’opulenza e nel benessere più o meno sfrenato. Tutti siamo abitanti e proprietari di questo mondo, quindi tutti dovremmo poter attingere alle ricchezze che questa nostra terra ci offre, senza sperperi, senza esagerazioni ed esaltazioni di opulenza. Invece, quello a cui assistiamo ogni giorno è l’esatto contrario.
Valter Stabile

 
Torna ai contenuti | Torna al menu